Toni Buso  - La finestra dei sogni
 
26 marzo - 10 aprile 2011

Toni Buso

Doppio appuntamento con l'arte alla galleria civica Craffonara.
Da sabato scorso e fino al 10 aprile espone le sue opere Toni Buso: una pittura fatta di sogni e ricordi, una rielaborazione del mondo dei fanciulli ottenuta ruotando immagini, simboli e forme geometriche su sfondo biancbhi o pallidamente colorati.


Un artista che inserisce nelle sue opere la poetica del "fanciullino". È Toni Buso che rielabora a modo suo il mondo di quando eravamo piccoli, facendo ruotare immagini, simboli e forme geometriche su sfondi bianchi o pallidamente colorati.


Le opere dell'artista trevigiano saranno esposte a Riva del Garda su iniziativa del Centro Culturale "La Firma" dal 26 marzo al 10 aprile presso la Galleria Civica "G. Craffonara".

L'esperienza di Toni Buso ha inizio alle origini della propria esistenza approdando alla forza espressiva del fanciullo ma con la consapevolezza dell'adulto. 

La pittura di Buso è fatta di sogni, di ricordi, di affetti, che affiorano dal profondo per rendersi visibili e tangibile attraverso l'arte: una pittura sognante nella quale nasce per prima la linea che traduce i ritmi della vita; essa diviene a volte parola-simbolo l'utilizzo di questi grafismi letterari assume, soprattutto nei lavori più recenti, l'aspetto di un arabesco che dà corpo allo sfondo e il senso di tale scrittura non è più narrativo ma radicato nell'interiorità. "Toni Buso - scrive Dino Formaggio - uscito dall'accademia di Venezia portandosi dentro le immagini e il fascino dell'opera astrattista, ha elaborato in proprio una particolare ed originale forma di pittura astratta, nata per immediatezza diretta dalla propria natura, senza mai risentire di scuole o di poetiche elaborate altrove.
Le sue opere su tela o su carte speciali, portano il segno di una straordinaria freschezza, quasi infantilmente mossa in una grande luce, dove una danza rarefatta di segni e di purissimi colori ritma felicemente la propria innocenza. Un'innocenza che conquista la sua apparente semplicità su cumuli di sapienti esperienze formali e sempre più preziose tecniche di esecuzione". 

Toni BusoNelle opere di Toni Buso si nota un'evoluzione lenta ma costante di forme e di giochi di colore che tendono a sconvolgere la superficie dipinta. Sono tratti veloci di pennellate rosse, gialle, qualche viola, un po' di nero e così via, in un astrattismo geometrico e informale, un equilibrio che a volte viene messo in discussione dalla poesia che vuole raccontare. Il suo è un linguaggio che vorrebbe essere "ingenuo" ma che in realtà è molto complesso e ripetitivo, un pretesto quello di ricorrere al mondo dei giochi d'infanzia (l'aquilone, la giostra, il girotondo, il trenino di legno), perchè la sua intenzione è nella ricerca cromatica, nei toni sempre diversi, nelle forme che solo lui riesce a modellare con il pennello.
Buso adopera una base che è quella che tutti noi abbiamo conosciuto: le squadre, la griglia, la carta di quaderno e ricompone su tela aggiungendovi quello che il pensiero lo rende "libero di infinite possibili manipolazioni" che a volte sembrano ripetersi quasi ossessivamente. Quello di Toni Buso è un viaggio alla ricerca dell'essenza più vera delle cose che perdono la connotazione naturalistica travalicando il dato oggettivo ed apparente per arrivare ad una dimensione narrativa dove i simboli e le immagini assumono la valenza di memoria, suggestione e forza identitaria. Buso riscopre il valore di una pittura vera, fatta di materiali sapientemente utilizzati e piegati al volere dell'artefice. Toni Buso è nato a Treviso nel 1954, ha iniziato ad esporre in manifestazioni collettive nel 1966. 

Ha frequentato a Venezia il Liceo Artistico e l'Accademia di Belle Arti con Alberto Viani. Ha frequenti contatti con lo storico dell'arte Luigina Bortolatto e con il filosofo dell’arte Dino Formaggio. Opera e collabora con l'Associazione Triveneta per le Arti Visive "Le Venezie". Le sue opere sono nell’archivio del Museo di Arte Moderna "Ca' Pesaro" (Venezia); esposte nel Museo d’Arte Moderna "Dino Formaggio" di Teolo (Padova), saranno esposte nel Museo d'Arte Moderna del Palazzo Sarcinelli di Conegliano (Treviso). Le sue mostre personali sono state realizzate in Italia e all'estero, fra le più importanti: Galleria Civica d'Arte Moderna Palazzo dei Diamanti di Ferrara; Opera Bevilacqua La Masa di Venezia; Galleria Municipale di Chamaliéres (Francia). Premiato tre volte alle manifestazioni dell'Opera Bevilacqua La Masa di Venezia, X Quadriennale Nazionale d'Arte di Roma; "Tre generazioni a confronto" Museo Pushkin di Mosca, Galleria d'Arte Moderna di Alma Ata, Museo de l'Hermitage di Leningrado; "34 giovani grafici veneti" Museo dell'immagine e del suono di S. Paolo del Brasile; Triennale mondiale di grafica presso le Gallerie Municipali di Chamalierés (Francia), Strasbourg (Francia), Stavanger (Norvegia). 

da Exibart.com



Alcune immagini dell'inaugurazione:


 

Rassegna stampa:

Toni Buso, la poetica del fanciullino (l'Adige il 9 aprile 2011)

Informazioni aggiuntive