Riva del Garda 16 luglio > 4 agosto 2016

Giovanni Cerri 
«Suburbia. Storie di periferia»

 

Mostre 2016


Proseguono con una mostra di Giovanni Cerri le esposizioni a cura del Centro culturale "La Firma" di Riva del Garda

 

Giovanni Cerri

Mostra a cura del Centro culturale "La Firma" di Riva del Garda, con il patrocinio del Comune di Riva del Garda.
16 luglio - 4 agosto 2016. Inaugurazione sabato 16 luglio ore 18

La mostra dell’artista milanese Giovanni Cerri, allestita dal 16 luglio al 4 agosto nella sala civica «Craffonara» ai giardini di Porta Orientale, presenta una selezione di opere degli ultimi dieci anni incentrata sul tema della periferia, tratte dai cicli Città fantasma, Impero e Suburbia. A cura del centro culturale La Firma.

Si tratta di un tema che il pittore ha trasformato, nei lavori più recenti, passando da uno sguardo del paesaggio urbano alla raffigurazione di scenari periferici più simbolici e quasi metafisici.
La presenza dei volti classici in territori “archeologici” desolati e in lande sperdute propone ora una riflessione esistenziale sui nostri tempi di precarietà, incuria, abbandono della nostra stessa memoria storica.

Giovanni CerriGiovanni Cerri è nato nel 1969 a Milano, dove vive e lavora. Ha iniziato a esporre nel 1987 e da allora ha tenuto mostre in Italia e all'estero. Parallelamente all'attività artistica, ha svolto il ruolo di promotore, organizzatore e curatore di mostre in spazi pubblici e gallerie private, collaborando tuttora con riviste, siti web e blog che si occupano di arte moderna e contemporanea.

Da sempre attratto dal territorio urbano di periferia, la sua ricerca si è sviluppata nell'indagine tematica dell’archeologia industriale, con raffigurazioni di fabbriche dismesse, aree abbandonate e relitti di edifici al confine tra città e hinterland.
Dal 2001 al 2009, con il ciclo delle «città fantasma», ha lavorato dipingendo sulla carta di quotidiano. Un supporto che – attraverso alcuni frammenti di scritte – raccontava la nostra contemporaneità, come una sorta di cronaca affiorante dalla materia pittorica.
Nel 2006, con questa tecnica, ha rivisitato in sedici quadri alcuni celebri volti della Cappella Sistina e del Giudizio Universale di Michelangelo per una mostra alla Galleria Blanchaert di Milano e successivamente è stato invitato dal curatore Philippe Daverio al Premio Michetti a Francavilla al Mare.
Nel 2008 espone con il padre Giancarlo al Museo della Permanente a Milano nella mostra «I Cerri, Giancarlo e Giovanni. La pittura di generazione in generazione».
Nel 2009 realizza il grande trittico dal titolo «Gomorra, l’altro Eden», ispirato al best-seller di Roberto Saviano.


In questi anni, diversi suoi cataloghi sono stati accompagnati dai testi dell’amico scrittore Raul Montanari.
Nel 2010 è tornato alla pittura su tela, presentando nell'ambito del Premio «Riprogettare l’archeologia», un altro grande trittico dal titolo «Habitat» alla Triennale Design Museum di Milano. Nel 2011, invitato dal curatore Vittorio Sgarbi, espone al Padiglione Italia Regione Lombardia alla 54° Biennale di Venezia, e successivamente alla mostra «Artisti per Noto. L’ombra del divino nell'arte contemporanea» a Palazzo Grimani a Venezia.
Una sua opera è presente nella collezione del Museo della Permanente a Milano.

Del suo lavoro hanno scritto, tra gli altri: Vera Agosti, Simona Bartolena, Rolando Bellini, Luisa Bergomi, Felice Bonalumi, Cinzia Bossi, Chiara Canali, Gemma Clerici, Mauro Corradini, Stefano Cortina, Stefano Crespi, Antonio D’Amico, Andrea B. Del Guercio, Mimmo Di Marzio, Gianfelice Facchetti, Alberto Figliolia, Lorenza Fragomeni, Flaminio Gualdoni, Cristina Guerra, Franco Migliaccio, Bruno Milone, Raul Montanari, Elisabetta Muritti, Luca Pietro Nicoletti, Carlo Perini, Dimitri Plescan, Veronica Riva, Claudio Rizzi, Steve Rockwell, Gabi Scardi, Giorgio Seveso, Gian Marco Walch. 

[da: http://www.giocerri.com]

 

Giovanni Cerri   Sala Civica «G. Craffonara» Giardini di Porta Orientale
tutti i giorni 10.00 > 13.30 e 17.00 > 20.30
Ingresso libero
   
   
   
          Inaugurazione sabato 16 luglio ore 18.00 presso la Sala Civica «G. Craffonara»

 


Alcune immagini della mostra

 

 

 
   
 Cinema Estate 2016

04.07.2016

FROZEN NORTH
IL NORD GHIACCIATO (1922)

THE BALLOONNATIC
IL MATTO SUL PALLONE (1923)


Regia di Buster KeatonEddie Cline

Commento musicale dal vivo:
- Marco Dalpane, pianoforte
- Marco Zanardi, sax tenore e clarinetto



13.07.2016

THE CAMERAMAN
IL CAMERAMAN (1928)

Regia di Buster Keaton, Eddie Cline

Commento musicale dal vivo:
- Marco Dalpane, pianoforte
- Alberto Cappelli, chitarra elettrica



18.07.2016

DER KILOMETERFRESSER
IL MACINACHILOMETRI (1924)


Regia di Karl Imelsky

Sarà presente il Ciné Museum di Bolzano con un’esposizione di materiale cinematografico d’epoca.








Riva del Garda
Galleria S. Giuseppe
Ore 21.30
Ingresso libero | Free admission
   

In galleria San Giuseppe dal 4 al 18 luglio tre proiezioni propongono quattro pellicole che rappresentano altrettante tappe nella storia del cinema. E' la mini rassegna cinematografica «Cinema Estate», proposta dal Comune di Riva del Garda a cura del Centro culturale «La Firma» e la collaborazione della Federazione italiana Cineforum. Le proiezioni iniziano alle ore 21.30 e l'ingresso è libero.

Cinema Estate 2016Primo appuntamento lunedì 4 luglio con due cortometraggi muti diretti ed interpretati da Buster Keaton: «Il nord ghiacciato» (The Frozen North) del 1922 (durata 17 minuti) e «Il matto sul pallone» (The Balloonatic) del 1923 (22 minuti).
Le proiezioni sono accompagnate da un commento musicale realizzato dal vivo di Marco Dalpane al pianoforte e Marco Zanardi al sax tenore e clarinetto.


Mercoledì 13 luglio la proposta è un altro film muto diretto e interpretato da Buster Keaton: «Il cameraman» (The cameraman) del 1928 (67 minuti). 
La proiezione avviene con il commento musicale dal vivo di Marco Dalpane al pianoforte e Marco Zanardi al sax tenore e clarinetto.


Si conclude lunedì 18 luglio con la proiezione del film «Il macinachilometri» (Der Kilometerfresser) di Karl Imelsky interpretato da Ernst Ganauser. 
Con l'occasione il Ciné Museum di Bolzano presenta un’esposizione di materiale cinematografico d’epoca.

  

 

 

 

Riva del Garda 25 giugno > 14 luglio 2016

Pino De Luca
Giardino Geometrico

 

Mostre 2016

A cura del Centro culturale "La Firma", Riva del Garda, in collaborazione con Anna Canali di Arte Struktura, Desenzano.

 Pino De Luca - Giardino Geometrico


Mostra personale a cura del Centro culturale "La Firma", Riva del Garda, in collaborazione con Anna Canali di Arte Struktura, Desenzano.
25 giugno - 14 luglio 2016. Inaugurazione sabato 25 giugno ore 18

Pino De Luca nasce a Lecce nel 1939. Vive e lavora a Genova. Studia alla Accademia di Belle Arti di Roma con Franco Gentilini e Mino Maccari. Si dedica allo studio delle varie tecniche artistiche e alla musica. Conosce Leonardo Sinisgalli, Bruno Munari ed altri. Si interessa al clima dell’arte Cinetica e Programmata, è notevolmente coinvolto nelle vicende del costruttivismo e del concretismo internazionali. Il suo percorso pittorico si svolge all'insegna di un aniconismo geometrizzante scandito dapprima per quadrati e losanghe interferenti, poi per trame lineari, con effetti di intensa vibrazione. A partire dagli anni Ottanta, il suo lavoro evolve verso articolazioni morfologiche e cromatiche in sequenze segniche fluide, dove il gioco dei tasselli cromatici si giova di equilibri instabili, strutturalmente e dinamicamente composti. Carlo Belloli lo definisce “tessitore di luci interferite nel colore inventato".

Dal 1973 fa parte del Gruppo Sincron di Brescia, a cui collabora Bruno Munari, presso la omonima galleria diretta da Armando Nizzi. Nel 1974 fonda insieme a Borella, Pizzo Greco, Stirane e altri, il Centro Ricerche Estetiche “La Meridiana” di Genova. Nel 1985 è tra i firmatari del Manifesto della Nuova Visualità 1985, ideato da Carlo Belloli a Milano, promosso e divulgato da Anna Canali con esposizioni ad Arte Struktura in Milano e in altre sedi. Nel 1991 presso il Museo del Palazzo della Permanente in Milano, Riccardo Barletta presenta il lavoro di Pino De Luca con il tema "Incontro con il colore". Nel 1996 è tra i vincitori al 1° Premio Trevi Flash Art Museum. Dal 1970 allestisce esposizioni personali e partecipa a importanti rassegne collettive in Italia e all'estero. 

Sequenze di segni caoticiGiardino geometrico / Pino De Luca
"La luce equivale alla vita e la vita è ritmo, movimento, colore, gioco, spazio, segno, gioia, trasformazione continua, ma anche inquietudine, tensioni, contrasti e mille altre cose.

Il senso delle mie configurazioni e dei miei segni è profondamente legato a questi significati, con l’interesse per le esperienze sensibili e le relazioni che si percepiscono dalla realtà quotidiana, complessa e spesso confusa. Si aggiunga, poi, la mia predilezione da sempre, per una visione geometrica della forma, per la combinatoria, per le serie, il tempo, i flussi, le proporzioni numeriche, per i colori dello spettro solare e per i loro effetti mutevoli e cangianti.

Lavoro che si sviluppa in una continua ricerca espressiva sperimentale, con un approccio a processi di carattere logico, concetti ed esperienze concrete, con le tecniche e il linguaggio della pittura. Sono immagini mentali, astrazioni geometriche, insiemi di segni decostruiti e strutturati numericamente, progettati e articolati in percorsi a scansione multipla. Segni fluttuanti che interagiscono nel gioco dell’espressione dei ritmi, degli spazi, nella continua mutazione dei colori, in una sequenza dialettica in divenire, con molte valenze espressive differenti e complesse.

E' un viaggio mentale, che sempre ricomincia, con molta curiosità e ragion d’essere, attraverso un semplice gioco di forma e colore, per una sorta di necessità interiore, con l’intento di condividere con gli altri un senso di piacere e di gioia dall'esistenza delle mie opere."

 

 

Pino De LucaSala Civica «G. Craffonara» Giardini di Porta Orientale
tutti i giorni 10.00 > 13.30 e 17.00 > 20.30
Ingresso libero





Inaugurazione sabato 25 giugno ore 18.00 presso la Sala Civica «G. Craffonara»

 

 


Sala Civica G.Craffonara Riva del Garda | Mostre 2016

 

02 > 20.04

 

25.06 > 14.07

 

Loïc Seron - «Altipiano»

Loïc Seron

«Altipiano»





Mostra personale

 
Pino De Luca


Pino
De Luca


Pino De Luca



Mostra personale
 


Loïc Seron, fotografo originario della Normandia, classe 1972, presenta una serie di fotografie dedicate all'Altipiano di Asiago.
Un omaggio all'opera letteraria di Mario Rigoni Stern. Un progetto originale, a colori e bianco nero, realizzato a partire dall'aprile 2014 con lo scopo di tradurre in immagini le evocazioni del celebre scrittore veneto.


Inaugurazione 02.04 ore 16.00
In collaborazione con MAG e Circolo Arsvenandi


  

Classe 1939, originario di Monteroni di Lecce, vive e lavora a Genova. Studia all'Accademia delle Belle Arti di Roma con Franco Gentilini e Mino Maccari.
Si interessa 
allo studio delle varie tecniche artistiche e alla musica. Il suo percorso pittorico si svolge all'insegna di un aniconismo geometrizzante scandito dapprima per quadrati e losanghe interferenti, poi per trame lineari, con effetti di intensa vibrazione.

Inaugurazione 25.06, ore 18.00

  

16.07 > 04.08   17.09 > 05.10
 
 Giovanni Cerri

    

 Giovanni Cerri





Mostra personale
 

 Gerald Moroder  

Gerald Moroder





Mostra personale

  

La mostra dell’artista milanese Giovanni Cerri presenta una selezione di opere degli ultimi 10 anni, incentrate sul tema della periferia, dal ciclo delle Città fantasma a quelli dell’Impero e di Suburbia.
Un tema che il pittore ha trasformato – nei lavori più recenti – passando da uno sguardo del paesaggio urbano alla raffigurazione di scenari periferici più simbolici e quasi metafisici.

Inaugurazione 16.07, ore 18.00

 



Le sculture sottili e smaterializzate di Gerald Moroder sono costituite della stessa roccia rossa di porfido del Monte Rasciesa, alle cui pendici sorge Ortisei.
Con la terra, la pietra, l'impasto di legno lo scultore vuole fare un’esperienza ogni volta diversa, pervaso dagli umori che si possono raccogliere dentro la natura produttiva del suo esistere.

Inaugurazione 17.09, ore 18.00

 

  

08 > 26.10

 

   
 Il viaggio


«Il viaggio»





Mostra collettiva 

   


I diversi modi di intendere e vedere il viaggio vengono presentati dagli artisti protagonisti di questo evento espositivo tutto da scoprire e da vedere.
Pittura e scultura si incontreranno, con varie tecniche, lungo un percorso immaginario che porterà il 
visitatore a sognare i luoghi più belli e suggestivi del mondo.

Inaugurazione 08.10, ore 18.00

 

   

Preleva il CALENDARIO MOSTRE 2016 in formato pdf

     
Sala Civica «G. Craffonara»   MOSTRE 2016
Riva del Garda   Giardini di Porta Orientale
Organizza: Centro Culturale «La Firma»   Telefono 0464 573917
     

  

Informazioni aggiuntive