Tre giorni e tre Comuni per la Memoria

 

Giornata della Memoria

Tre giorni di manifestazioni ed eventi, giovedì 26, venerdì 27 e domenica 29 gennaio: così i Comuni di Arco, Nago Torbole e Riva del Garda celebrano assieme la Giornata della Memoria, istituita nel 2000 dal Parlamento italiano per commemorare l'Olocausto, le vittime del nazionalsocialismo e del fascismo, e per ricordare coloro che a rischio della propria vita hanno protetto i perseguitati. La Giornata della Memoria cade il 27 gennaio, giorno in cui nel 1945 le truppe sovietiche dell'Armata Rossa arrivarono nella città polacca di Auschwitz e scoprirono, rivelandolo per la prima volta al mondo, l'orrore del genocidio nazista. L’iniziativa è organizzata dal Servizio Attività Culturali Intercomunale di Arco e Riva del Garda che propone un programma condiviso di iniziative, cui tutta la cittadinanza è invitata.

Si rinnova quindi l’impegno congiunto delle amministrazioni comunali altogardesane per un momento di memoria che per sua natura è destinato ad unire: l'apertura è con la solenne cerimonia del Ricordo, la commemorazione congiunta ufficiale giovedì 26 gennaio al monumento ai deportati ebrei ad Arco, nei giardini pubblici di via Bruno Galas, con le rappresentanze delle tre amministrazioni comunali, della Comunità di Valle Alto Garda e Ledro, delle Forze Armate e di Polizia, delle associazioni combattentistiche e d'arma, con l’intervento della storica Maria Luisa Crosina.
L'inizio è alle ore 16.30; intervengono anche gli alunni della quinta classe della scuola primaria di Massone con l’insegnante Olga Cappelletti a presentare il lavoro di ricerca svolto sul tema della Shoha.A seguire, con inizio alle ore 18, nella sala riunioni della biblioteca civica di Riva del Garda si presenta il volume di Beatrice Primerano «Ernesta Bittanti e le leggi razziali del 1938» (edito dalla Fondazione Museo storico in Trento); intervengono l'autrice e Diego Quaglioni, docente dell'Università degli Studi di Trento, ricercatore e autore di diverse pubblicazioni d’argomento storico. 

D-day to Berlin di George StevensVenerdì 27 gennaio a Riva del Garda in Rocca si proietta il film di George Stevens «D-day to Berlin» (USA, 1994), con inizio alle ore 17.30 e in collaborazione con il centro culturale «La Firma» di Riva del Garda.
Quindi alle 21 nell'ex biblioteca di viale Damiano Chiesa il gruppo «Il Tè delle letture» legge brani da «Destinatario sconosciuto» di Katherine Kreesmann Taylor (ed. BUR Rizzoli), per la regia di Sabrina Simonetto. 

Domenica 29 gennaio a Palazzo dei Panni ad Arco il coro Col Hakolot diretto dal maestro Eyal Lerner propone un concerto dal titolo «Il cammino del popolo ebraico in musica», con inizio alle ore 11. Mentre nel teatro della casa della comunità di Nago alle 21 va in scena il racconto teatrale «Am grossen Wannsee» di Renzo Fracalossi, con il Club Armonia di Trento e per la regia di Emilio Frattini e Renzo Fracalossi.

18 gennaio 2012
Ufficio Stampa Comune di Riva del Garda 

Galleria Civica "G. Craffonara" Giardini di Porta Orientale 

Centro Culturale La Firma
settembre  >  dicembre 2011
 


 

03 > 15 settembre 2011 ACROBAZIE  Circo e dintorni  Le fotografie di Primo Cassol, i burattini di Maurizio Gioco e le sculture di cartapesta di Titou Vergier   03 > 15 settembre 2011

ACROBAZIE
Circo e dintorni

Le fotografie di Primo Cassol, i burattini di Maurizio Gioco
e le sculture di cartapesta di Titou Vergier



24 settembre > 09 ottobre 2011

VEDERE IL MONDO / VEDERE MONDI
WAS HERE
La fotografia di Paolo Parma

a cura di Luigi Meneghelli
L'assenza, l'arma, l'ombra
nelle immagini dell'artista veronese

              
  Vedere il mondo / Vedere Mondi

Fratelli D'Italia  



15 ottobre > 06 novembre 2011

FRATELLI D'ITALIA
Undici artisti rendono omaggio al Risorgimento

Tra il serio e l'ironico, una interpretazione 
antiretorica dell'Unità d'Italia 
 


19 novembre > 11 dicembre 2011

RICORDI MAGICI DI LELE LUZZATI
Opere di mare e di terra edite ed inedite

a cura di Natasha F. Pulitzer
il mondo magico di un grande
protagonista dell'arte del Novecento 

 
Ricordi magici di Lele Luzzati 


Le esposizioni saranno accompagnate da eventi letterari, musicali, cinematografici ed enogastronomici




Bilancio 2010 e programma 2011

Conferenza stampa




Il centro culturale «La Firma» con il sostegno del Comune di Riva del Garda ha proposto una mostra alla galleria Craffonara dedicata al proprio fondatore, Arrigo Colorio: una selezione di opere di Fritz Frölic il 5 e 6 febbraio dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19. Evento introduttivo è stato l'omaggio ad Alda Merini, la grande poetessa che fu ospite in città esattamente dieci or sono, invitata proprio da «La Firma». Intitolato «D’amore e altre follie», l'evento – nel pomeriggio di sabato 5 febbraio, alla presenza degli assessori alla cultura comunale Maria Flavia Brunelli e provinciale Franco Panizza – è stato condotto da Clara Lotti, con la voce di Isabella Dilavello e il sax di Paolo Ballini ad accompagnare la recitazione degli aforismi di Alda Merini, e con la storica Maria Luisa Crosina che la letto la poesia «Io non ho bisogno di denaro». Durante la mostra è stato proiettato un video realizzato per l'occasione da Ludovico Maillet.

Una doppia iniziativa con cui l'associazione culturale rivana ha inaugurato il 2011: «Da anni presente sul territorio di Riva del Garda – ha spiegato la presidente Anna Caser – il centro culturale “La Firma” ha contribuito ad arricchire e vivacizzare l’ambiente artistico e intellettuale con mostre, eventi e dibattiti, divenendo così nel tempo un centro culturale di riferimento. La “mission” è da sempre quella di portare sul territorio una cultura che non sia soltanto locale, legata al Trentino, ma aperta agli stimoli che provengono dall’esterno, per creare momenti di incontro culturali liberi da condizionamenti e logiche di mercato».


Dopo la scomparsa del suo fondatore Arrigo Colorio, il direttivo del centro ha deciso di proseguire l’attività e ha proposto numerosi progetti. Abbandonato Palazzo Lutti per via dei lavori di restauro, «La Firma» propone le proprie iniziative in altri luoghi della città, tra cui la galleria civica Craffonara, concessa dal Comune.


Il programma 2011
Il programma durante l’anno proseguirà con un’altra mostra, ad aprile, di Antonio Buso di Treviso, pittore molto legato all’entourage del filosofo Dino Formaggio. A maggio, in collaborazione con la Biblioteca Civica e l’associazione “Gli Amici dell’Arte” di Riva del Garda, sarà organizzato un evento dal titolo “Il mondo magico degli ex libris”. Un’iniziativa rivolta anche alle scuole, durante la quale saranno realizzati anche corsi, lezioni e laboratori per ragazzi. Saranno inoltre messi a confronto ex libris d’autore grazie al contributo del Museo di Soncino (Cr). Con Paolo Parma a giugno sarà dato spazio alla fotografia come forma d’arte. Saranno presentate due serie di lavori di questo artista, una che riguarda il discorso di “Vite Parallele” e l’altra che ripercorre il tema de “L’ombra”. A settembre poi, arriverà a Riva del Garda Bruno Cassaglia, artista ligure che nelle sue opere passa dalle carte povere alla fotografia, dalle piccole tavole alle grandi tele, dai micro-interventi diland-art alle performance. Ad ottobre infine, sempre in collaborazione con la Biblioteca Civica e il gruppo “Gli amici dell’arte”, e con lapartecipazione del presidente della Biennale di Cremona della Grafica Vladimiro Elvieri, sarà proposta ai ragazzi delle scuole, ma non solo, una panoramica sulla grafica d’autore, per imparare a conoscere e distinguere le diverse tecniche di disegno, d’incisione e di stampa.


Il bilancio del 2010
Nel 2010 il centro ha iniziato la sua attività a febbraio, ricordando innanzitutto la figura di Colorio, sia come uomo che come gallerista, con un video realizzato da Ludovico Maillet e l’esposizione d’alcuni quadri d’artisti che negli anni Colorio aveva ospitato nella sua Galleria. Al Grand Hotel Liberty, successivamente, nel mese di agosto, nello spazio del Liberty-Cafè è stata organizzata l’iniziativa “Art Donna Project”: un progetto a cinque voci allestito attraverso le personali forme espressive di artiste di Paesi diversi, come Israele, Germania o San Francisco. Un esperimento nato per mettere a confronto i diversi linguaggi artistici provenienti da realtà distanti, non solo geograficamente. All’evento ha preso parte anche la storica Maria Luisa Crosina che ha fatto rivivere momenti di commozione con il suo intervento intitolato “Sulle ali del vento” in cui ha raccontato alcune storie di donne ebree che vivevano a Riva e Arco nel periodo della Seconda Guerra Mondiale. Ad ottobre infine nella Sala Craffonara, è stato realizzato l’evento, molto apprezzato, dal titolo “Progetti d’artista”: tre artisti di fama internazionale - Puccio Pucci, Titou Vergier e Amaranta De Francisci - hanno esposto le loro opere realizzate con espressioni diverse dell’arte, dall’architettura alla scultura, dalla poesia all’acquarello.

 

Riva del Garda, 7 febbraio 2011
Uff.st.

Informazioni aggiuntive