La perdizione

Il titolo originale: «Mahler» presentava molto meglio il contenuto del film: la vicenda interiore del grande compositore e direttore d'orchestra cecoslovacco, come l'ha sentita e rivissuta, in un linguaggio filmico sorprendente, Ken Russell. Le suggestioni soggettive dell'uomo e soprattutto dell'artista Mahler, suscitate in Russell dalle composizioni del musicista, sono il vero contenuto, ora lirico ora drammatico, del film. La vicenda del film si svolge durante l'ultimo viaggio in treno del grande musicista, che, ammalato di setticemia, vuole morire a Vienna.

La perdizioneLe crisi, il sonno sono le banali occasioni esterne, che danno modo al regista di far rivivere i momenti salienti della tormentata vita e arte di Mahler. In un paesaggio suggestivo, Mahler si rivede nella sua casa, in riva al lago, appassionato del silenzio per cogliere tutte le voci della natura e tradurle in musica; si rivede ragazzo e prende coscienza che non può essere un vero compositore se non si sente parte viva della natura, parte viva di Dio. Siamo al tempo dell'incompiuta decima sinfonia. L'incubo della morte è rappresentato da Russell nella drammatica scena dei funerali, del cimitero, della cremazione, del tradimento della moglie (Alma).

Russell presenta immagini ora parodistiche ora grottesche, i miti teutonici delle opere di Wagner con la loro cruda sopraffazione. La religiosità pagana esplode nelle rappresentazioni parossistiche del razzismo, del pangermanesimo, dell'antisemitismo, senza escludere una certa acidità anticristiana. Nella sua inconfondibile mescolanza di invenzioni figurative - ora strampalate ora immaginose, sempre in bilico sul Kitsch - e di luoghi tipici (le une e gli altri sostenuti dalla splendida fotografia di Dick Bush) c'è in questo film un'insolita tenerezza che in diversi momenti ha una grazia dolcemente appassionata.

 

REGIA       Ken Russell
INTERPRETI   Robert Powell, Georgina Hale, Lee Montague, Richard Morant
TITOLO ORIGINALE   Mahler
GENERE   Biografico
DURATA   115', colore
PRODUZIONE   Gran Bretagna
ANNO   1974

Informazioni aggiuntive