Lunedì cinema - Cineforum 2015 2016

 Quarto potere (1941) di Orson Welles 

Un "giallo metafisico" che ha come oggetto un'indagine psicologica e allegorica degli aspetti più intimi e nascosti della personalità di un uomo, attraverso le testimonianze di coloro che lo conobbero.
Nel film il protagonista viene demolito e ricomposto attraverso i racconti di cinque personaggi, dopo la ricostruzione dell'immagine pubblica a cura del cinegiornale. Essi vedono in lui, rispettivamente, un ragazzo ribelle, un direttore straordinario, un amico megalomane, un marito arido di sentimenti, un padrone eccentrico, forse matto. Senza precedenti è quindi la struttura narrativa a incastro e il fatto che il protagonista appaia in maniera diretta solo nei pochi secondi all'inizio del film, mentre sta morendo, infrangendo la regola fondamentale dell'illusione di realtà del cinema classico.
da https://it.wikipedia.org

Si narra la vicenda di Charles Foster Kane, magnate dell'editoria. Il film inizia con un flash-back. Kane è morto, si cerca di interpretare la sua incredibile personalità, le sue speranze e le sue azioni. L'uomo è morto pronunciando la parola "Rosebud".
Un giornalista si assume l'incarico di venire a capo del mistero andando a parlare con le persone che furono più vicine al magnate. Comincia dal suo più grande amico, Leland (Cotten), che sostenne Kane fin dall'inizio, quando il grand'uomo sembrava animato da irresistibile spinta di onestà e fu da questi licenziato quando non si schierò dalla sua parte in una vicenda di scarsa importanza. Appare un assistente di Kane, che conosce alcuni fatti, appare la seconda moglie, una cantante con le virgolette, come venne definita per il suo poco talento. Kane tentò anche la via politica, ma venne fermato con un ricatto. Conobbe tutti i grandi uomini del suo tempo. Raccolse in un incredibile castello milioni di cimeli e di cianfrusaglie. (....)

Quarto potere (1941) di Orson WellesTitolo santificato dal cinema. Da molti ritenuto degno leader di una classifica ideale di film.
Fu girato nella seconda parte del 1940 quando Welles aveva appena venticinque anni. Welles fece un film allarmante, incredibilmente pensato, nei contenuti e nella tecnica. Era il trionfo del cinema per il cinema, dove niente è reale e naturale, dove le luci arrivano da fonti impossibili (celebre la sequenza delle ballerine alla festa, che vengono illuminate dal pavimento).
Il regista usò obiettivi particolari per dare significati espressivi a seconda di ciò che voleva comunicare: il soffitto a opprimere appena sopra la testa, il grandangolo che isola, piccolissimo, il soggetto. I giochi di ombre che indicano precarietà e una fine che non sarà certamente lieta.

Welles, che aveva già stupito gli americani coi suoi geniali interventi radiofonici (famoso quello dell'invasione della terra da parte dei marziani, tanto realistico da sconvolgere il paese), li stupì con un film che rappresentava l'esatto opposto del sogno americano raccontando la vicenda di un eroe che finisce male. Welles si ispirò alla vera storia dell'editore William Hearst e introdusse per primo nel cinema la pratica, seppur popolare, freudiana, alla quale avrebbe presto attinto un grande maestro come Hitchcock. Il film esce dal quadro del suo tempo, rimane un manifesto ancora valido.
da http://www.mymovies.it

 



   Scheda film    
        Quarto potere   
TITOLO ORIGINALE   Citizen Kane  
LINGUA ORIGINALE   Inglese  
PRODUZIONE   USA  
ANNO   1941  
DURATA   119'  
COLORE   B/N  
AUDIO   Mono  
RAPPORTO   1,37:1  
GENERE   Drammatico  
REGIA   Orson Welles    

INTERPRETI E PERSONAGGI

 
  •  Orson Welles: Charles Foster Kane
  • Joseph Cotten: Jedediah (Johnson/John) Leland
  • Everett Sloane: Mr. Bernstein
  • Dorothy Comingore: Susan Alexander Kane
  • Agnes Moorehead: Mary Kane
  • Ray Collins: James W. Gettys
  • Ruth Warrick: Emily Monroe Norton Kane
  • William Alland: Jerry Thompson
  • George Coulouris: Walter Parks Thatcher
  • Paul Stewart: Raymond, il maggiordomo
  • Philip Van Zandt: Mr. Rawlston
  • Fortunio Bonanova: Matiste, il baritono
  • Gus Schilling: Capo cameriere
  • Georgia Backus: Signorina Anderson
  • Harry Shannon: padre di Kane
  • Erskine Sanford: Herbert Carter
  • Sonny Bupp: figlio di Kane
  • Buddy Swan: Kane a otto anni
 
DOPPIATORI ITALIANI    Edizione originale (1945):
  • Augusto Galli: Charles Foster Kane

Edizione del 1965:

  • Emilio Cigoli: Charles Foster Kane
  • Renato Turi: Jedediah (Johnson/John) Leland
  • Oreste Lionello: Mr. Bernstein
  • Maria Pia Di Meo: Susan Alexander Kane
  • Dhia Cristiani: Mary Kane
  • Gualtiero De Angelis: James W. Gettys
  • Rita Savagnone: Emily Monroe Norton Kane
  • Pino Locchi: Jerry Thompson
  • Gianfranco Bellini: Walter Parks Thatcher
  • Cesare Barbetti: Raymond, il cameriere
  • Mario Feliciani: padre di Kane
  • Vinicio Sofia: Herbert Carter
  • Irma Gramatica: bibliotecaria
  • Sergio Graziani: direttore del giornale
  • Manlio De Angelis: Bones
  • Gino Cervi: Voce narrante
 
SOGGETTO   Orson Welles
 
SCENEGGIATURA
  Orson WellesHerman J. Mankiewicz  
FOTOGRAFIA   Gregg Toland  
MONTAGGIO   Robert Wise  
EFFETTI SPECIALI   Vernon L. Walker, a.s.c.  
MUSICHE   Bernard HerrmannCésar Franck (Sinfonia in re minore)
 
SCENOGRAFIA   Van Nest PolglasePerry Ferguson
 
COSTUMI   Edward Stevenson  
       
  

  

Informazioni aggiuntive