Lunedì cinema - Cineforum 2015 2016
 
L'uccello dalle piume di cristallo (1970) di Dario Argento

Scrittore americano di passaggio a Roma, Sal Dalmas assiste, attraverso la vetrata di una galleria d'arte, ad un tentativo di omicidio. Benché sia stato soltanto il suo intervento a mettere in fuga il misterioso killer, presto le indagini della polizia si concentreranno proprio su di lui, in breve assorbito in un vortice di aggressioni da parte di un assassino che continua ad uccidere indisturbato.
Insieme alla fidanzata, cercherà allora di venire a capo della situazione, convinto com'è di non riuscire a ricordare un dettaglio fondamentale in grado di risolvere l'enigma.


L'uccello dalle piume di cristalloDopo un apprendistato come soggettista e sceneggiatore (C'era una volta il West e Metti una sera a cena) e un'esperienza da critico cinematografico per Paese sera, il ventinovenne Argento esordisce alla regia con un film che sancisce una nuova epoca, di fatto una reale canonizzazione, per il cosiddetto "giallo all'italiana".
Assorbita la lezione di Mario Bava (La ragazza che sapeva troppoSei donne per l'assassino) e con un occhio sempre teso al maestro Alfred Hitchcock (si pensi solo al cammeo di Reggie Nalder, indimenticabile nel ruolo del killer in L'uomo che sapeva troppo), il cineasta romano confeziona un gioiello in cui balzano all'attenzione qualità registiche fuori dal comune: l'importanza fondamentale della soggettiva, delle tecniche di montaggio, dei suoni, delle distorsioni e degli inganni, l'occhio di una macchina da presa sempre alla ricerca di punti vista inediti (aiutata in questo caso anche dall'apporto di Vittorio Storaro alla fotografia) fanno di L'uccello dalle piume di cristallo un vero classico, punto di riferimento obbligato per ogni studioso del cinema italiano, anche al di là del genere di appartenenza.
Violento, forsennato, pauroso, mette nero su bianco una ricetta che il regista tenderà a riproporre in tutti i suoi successivi gialli, compreso il capo d'opera Profondo rosso.
È un mondo di folli quello di Argento, di detective improvvisati e di particolari da mettere a fuoco, un viaggio nell'inconscio che può fare anche a meno della logica, ma mai della potenza del pezzo forte, di uno forma personalissima che ha ridefinito i canoni del cinema di spavento nostrano.

Imitato fino alla nausea, non solo in quello stile mai eguagliato in realtà, ma soprattutto nel titolo (non si contano le pellicole uscite in quegli anni che fanno riferimento a tarantole, lucertole, farfalle, iguane e bestie varie), ebbe un importante successo di pubblico. Insieme ai successivi Il gatto a nove code e 4 mosche di velluto grigio costituisce la cosiddetta "trilogia degli animali".
Non è un segreto che alla base dell'ispirazione del regista ci sia il romanzo giallo La statua che urla di Fredric Brown.

 da: http://www.mymovies.it/

 

 Scheda film
           L'uccello dalle piume di cristallo
TITOLO ORIGINALE   L'uccello dalle piume di cristallo  
PRODUZIONE   ItaliaGermania  
ANNO   1970  
DURATA   96'
 
COLORE   Colore (Eastmancolor)  
AUDIO   Mono
 
RAPPORTO   2,35 : 1  
GENERE   Giallo, Thriller, Orrore  
REGIA   Dario Argento    
PERSONAGGI E INTERPRETI  
  • Tony Musante: Sam Dalmas
  • Suzy Kendall: Giulia
  • Enrico Maria Salerno: comm. Morosini
  • Eva Renzi: Monica Ranieri
  • Umberto Raho: Alberto Ranieri
  • Renato Romano: prof. Carlo Dover
  • Giuseppe Castellano: Monti
  • Mario Adorf: Berto Consalvi
  • Pino Patti: Filagna
  • Gildo Di Marco: Garullo/Addio
  • Fulvio Mingozzi: poliziotto
  • Omar Bonaro: poliziotto
  • Bruno Erba: poliziotto
  • Annamaria Spogli: Sandra Roversi, terza vittima
  • Rosita Torosh: quarta vittima
  • Karen Valenti: Tina, quinta vittima
  • Werner Peters: antiquario
  • Reggie Nalder: inseguitore col giubbetto giallo
  • Maria Tedeschi: anziana nella nebbia
  • Carla Mancini: ragazza che guarda la TV
  • Giovanni Di Benedetto: prof. Rinaldi
  •  
 
DOPPIATORI ORIGINALI   
  • Gigi Pirarba: Sam Dalmas
  • Anna Teresa Eugeni: Giulia
  • Cristina Grado: Monica Ranieri
  • Silvano Tranquilli: prof. Carlo Dover
  • Adriano Micantoni: Berto Consalvi
 
SOGGETTO   Dario Argento  
SCENEGGIATURA
  Dario Argento  
FOTOGRAFIA   Vittorio Storaro  
MONTAGGIO   Franco Fraticelli  
MUSICHE   Ennio Morricone  
SCENOGRAFIA   Dario Micheli  
COSTUMI   Dario Micheli
 
 



   
 
 
 

Informazioni aggiuntive