Movie Summer 2016      

DER KILOMETERFRESSER
IL MACINACHILOMETRI

Regia di Karl Imelsky
(1924)


50 anni prima di Easy Rider. 70 anni almeno dal National Geographic Channel. Der Kilometerfresser, tradotto in ital
iano “Il mangiachilometri”, non è altro che un glorioso giro d’Europa in moto. Documentario e avventura, lunghe corse e spettacolari ambientazioni. Il protagonista è il motociclista austriaco Ernst Ganauser, eroe, per gli ottanta minuti di questo film muto, della sua Mittleuropa (e non solo). 

A bordo di una Norton, storica motocicletta inglese anni ’20, compie un forsennato e lungo viaggio per i luoghi più importanti dell’epoca. Inizia la sua avventura, che durerà 14 giorni e 6000 chilometri, attraversando la Svizzera e l’Italia, fermandosi a Milano, Genova, Viareggio per poi tornare su nel nord-est e incontrare i territori ancora distrutti dalla guerra.
Affronterà i Balcani, arrivando fino in Bosnia-Erzegovina dove troverà uno splendido mescolamento di stili ed influenze: colpiscono soprattutto i palazzi veneziani, le usanze turche e i commercianti ebrei. Risalirà per il Montenegro, poi la Croazia, giungendo fino a Praga per infine terminare il suo viaggio in Austria, dove gli amici lo attendono.

Per quei tempi questo film rappresenta l’apice del cosiddetto cinema di impresa; non per nulla a Ganauser sembra non mancare mai l’energia. Un super-uomo che non solo attraversa in moto le nazioni in tempo di record ma che ama anche andare in canoa sul Danubio e scalare, in tempi record, il Großglockner, cima austriaca più alta. Il tutto sfidando sul tempo un suo amico giornalista che viaggia in auto.

Ma la pellicola non è solo l’apologia della sportività, della forze e della volontà dell’austriaco ma anche una spettacolare cartolina del mondo, capace di mostrare posti sconosciuti e popoli diversi, con le loro usanze e tradizioni caratteristiche, con i loro modi di fare bizzarri e a volte persino esotici.
E se poi a vederla siamo noi, quasi 90 anni dopo e con un mondo rivoluzionato, allora la cartolina diventa anche testimonianza storica. Che forse vale più di cento libri. Le cerimonie sacre diverse di paese in paese, le auto e i tram delle grandi città, i battelli e i treni, le donne musulmane coperte da impressionanti burqa, turchi e ebrei che fanno affari a Sarajevo, locande, ristoranti e aziende d’epoca e così via..

Dubito che l’obiettivo iniziale del film, nel 1925, fosse principalmente questo; forse era solo importante sottolineare il valore epico dell’impresa di Ganauser. Ma oggi Der Kilometerfresser, che dopo il restauro di qualche anno fa mantiene un ottima qualità video, è senza dubbio un film da recuperare, sopratutto per i più curiosi e nostalgici.

da: http://www.sconfinare.net/

   

 

           Der Kilometerfresser   
titolo originale       Der Kilometerfresser    
regia   Karl Imelsky    
interpreti   Ernst Ganauser     
genere   Documentario, avventura    
durata   100 minuti    
produzione   Austria    
anno   19    
         

    

Informazioni aggiuntive