Saverio Rampin

 

 

26 giugno > 14 luglio 2021


Il Centro Culturale "La Firma" è lieto di invitarvi all'inaugurazione della mostra 
di Saverio Rampin - Geometrie di luce

 

 

  Saverio Rampin - Geometrie di luce

 

 NUOVO EVENTO ESPOSITIVO DEL CENTRO CULTURALE “LA FIRMA”

Presenta Nicoletta Tamanini
Interviene Stefano Cecchetto curatore Archivio Saverio Rampin

La mostra rimarrà aperta dal 26 giugno al 14 luglio presso la Sala Civica “G. Craffonara”.

 

A Saverio Rampin, una tra le figure più complesse e interessanti del panorama artistico italiano e, in particolare, veneziano, del dopoguerra, è dedicata la prima esposizione 2021 del Centro culturale “La Firma” di Riva del Garda, realtà associativa che dal 1991 opera nel territorio dell'Alto Garda promuovendo l'espressione artistica in ogni sua forma anche grazie a collaborazioni e progetti di ampio respiro come, in questo caso, l'Archivio Saverio Rampin, fondato nel 1998, alcuni anni dopo la prematura scomparsa del pittore, e sito a Venezia-Lido.

Uomo schietto e schivo, fermo nei suoi principi, dotato di una personalità complessa e inquieta ma libera da convenienze e convenzioni, instancabile ricercatore di verità nell’unica dimensione per lui possibile, quella della pittura, Saverio Rampin, considerato tra gli esponenti di spicco dello spazialismo veneziano nonostante l'artista non ne abbia mai firmato il manifesto, rivela nelle opere in esposizione una spiccata sensibilità poetica espressa da cromatismi raf­finati e delicati, quasi impalpabili, tangibili prove della sua continua, quasi ossessiva ricerca sul colore che, come la luce, e grazie alla luce, delinea nuove realtà oltre lo spazio visibile, sublimandosi in... “essenza dello spirito” ... “Geometrie di luce”, il titolo scelto per l'esposizione rivana, ben delinea la tensione creativa dell'artista lagunare nel decennio tra il 1960 e il 1970.

Allontanatosi virtualmente, ma soprattutto psicologicamente dalla città natia, dai suoi colori, dalla sua luce, dalle sue suggestioni ammaliatrici, il pittore, grazie alle collaborazioni milanesi e ai frequenti contatti con l'ambiente artistico- culturale genovese, allenta, con coraggio, gradualmente, il riferimento all'oggetto naturale per indagare il proprio complesso mondo interiore, magistralmente espresso dalle emozioni suscitate da un sapiente uso del colore e, soprattutto, dell'elemento luminoso che diviene, memore la grande lezione di Virgilio Guidi, quasi protagonista dell'opera pittorica.
Nicoletta Tamanini

Saverio Rampin, (Venezia, 1930-1992), è un artista veneziano e in quanto tale ha sempre 'respirato' l’aria e la luce della città lagunare. Nel 1948 frequenta l'Accademia di Belle Arti di Venezia sotto la guida di Armando Pizzinato. 
Negli stessi anni inizia anche la sua attività espositiva partecipando alle mostre collettive dell'Opera Bevilacqua La Masa.
Già nei primi anni cinquanta la pittura di Rampin è caratterizzata da una forte e personale carica espressiva, ricca di accesi cromatismi, che lo allontana dalle prime esperienze di matrice cubo-futurista.
Partecipa alla XXV Biennale di Venezia dove espone l'opera: Scuola di Pittura e nel 1951 tiene la sua prima mostra personale alla Galleria Sandri di Venezia. Sono gli anni della ricerca nei quali l'artista si orienta verso un espressionismo astratto che lo avvicina alle sperimentazioni degli spazialisti veneziani.
Le sue opere, anche se non figurative, nascono da un esame attento degli aspetti naturalistici, tanto che molti suoi lavori riportano il titolo: Momenti di Natura. In questa mostra si è scelto di dare risalto al periodo più intimista, quello legato alle mostre realizzate a Milano alla Galleria Pagani, che vede la sua maturazione nelle opere degli anni '60 e '70, dentro alle quali le geometrie si fondono con il colore e la luce, per la definizione di insolite trasparenze visive.
Stefano Cecchetto
Curatore dell'Archivio Saverio Rampin

 

Archivio  Saverio Rampin

La mostra di Riva del Garda sarà ospitata come consuetudine del Centro Culturale “La Firma” presso la Sala Civica “G. Craffonara”. L'esposizione sarà visitabile tutti i giorni fino al 14 luglio con orario 9.00 – 12.30 e 13.30 – 18.30. Vernice sabato 26 giugno alle ore 18.00. Ingresso Libero.

 

   
Sala Civica «G. Craffonara» Giardini di Porta Orientale
Riva del Garda (TN)


26 giugno > 14 luglio 2021
Tutti i giorni 09.00 > 12.30  -  13.30 > 18.30

Ingresso libero


Inaugurazione sabato 26 giugno ore 18.00

   Saverio Rampin
   
   
 

 

Alcune immagini delle opere esposte e dell'inaugurazione

  

 

Informazioni aggiuntive