Progetti d'artista
 
24 ottobre - 14 novembre 2010

Progetti d'artista - De Francisci Pucci Vergier
Progetti d'artista - De Francisci Pucci Vergier


La mostra «Progetti d'artista», allestita alla galleria civica Craffonara e inaugurata domenica 24 ottobre, propone una selezione di opere di Amaranta De Francisci, Puccio Pucci e Titou Vergier. Organizzata dal centro culturale «la Firma» con il patrocinio del Comune di Riva del Garda, l'esposizione è visitabile tutti i giorni dalle 15.30 alle 19, con ingresso libero.

La mostra prosegue fino a domenica 14 novembre.

Riva del Garda, 18 ottobre 2010
Uff.st.


AMARANTA DE FRANCISCI
Lo spazio di Amaranta De Francisci, da anni presente nel panorama artistico italiano e internazionale, è quello del colore. Ma non si tratta di un arcobaleno rassicurante che annuncia la fine della pioggia. E' il colore della poesia, di un momento fermo nel tempo che acceca e che illumina, della delicatezza e del mistero delle favole. Sia nei suoi lavori figurativi, dove racconta di posti e città e scorci di un ricordo, che in quelli astratti dove ci si imbatte quasi in un suono, in un ritmo, è il colore a dominare a partire dal giallo. Il giallo dei girasoli di Van Gogh, verrebbe da dire, fosse anche perché è carico di una simile dolce passione. Anche se non di solo giallo Amaranta vive. In un ogni favola, in ogni poesia, in ogni ricordo c'è il lato d'ombra.
Isabella Di lavello ottobre 2010

PUCCIO PUCCI
Puccio PucciL’artista ispeziona le sponde solitarie dell’Arno per recuperare ogni tipo di materiale trasportato dal fiume; miseri avanzi decomposti di oggetti destinati alla totale distruzione sono così trasformati in soggetto artistico e dotati dell’alone magico proprio di ogni opera d'arte. Pucci è architetto, scultore e pittore; le differenti competenze di questo artista si integrano in una interdisciplinarietà che gli serve per creare le sue opere. Si afferma nel 1996 con esposizioni in Italia, a Mantova e a Firenze e, già dal 1998, all’estero: un padiglione all’Expò di Lisbona, poi anche Parigi, Beirut, Hong Kong, Nürnberg, Barcellona, Madrid, Miami, Berlino, San Francisco e Nairobi. Continuando a divulgare la sua arte in varie città italiane, riscuote ovunque ampi successi di critica e di pubblico. Nel 2007 interviene al restyling degli uffici UMS (United Medical Software) di San Casciano (Fi), dove ogni singolo elemento ideato diviene parte dell’architettura preesistente e realizza, in un progetto globale, la rinascita del luogo. Figlio ideale di quel filone d’arte povera scaturito in Italia per opera di Burri, Pucci investe la sua inesauribile curiosità a ispezionare le sponde solitarie dell’Arno per recuperare ogni tipo di materiale trasportato dal fiume: pezzi arrugginiti e informi di lamiera, tavole di legno macerate ed erose, congegni meccanici, bulloni, utensili vari. Miseri avanzi decomposti di oggetti destinati alla totale distruzione sono così trasformati in soggetto artistico, sottratti all’annientamento e dotati dell’alone magico proprio di ogni opera d’arte. «Il suo campo di ricerca è il territorio dove sono presenti le forme della natura e i manufatti dell’uomo che però sono stati usati e abbandonati:non interessano più e si lasciano. Diventano “cose”. Cose interessanti per qualità insospettate, per colori, dove la vista e il tatto percepiscono i segni del degrado sulla loro superficie, segni che ne generano altri, cose che suscitano piccole o grandi emozioni, che la mente riorganizza e le mani riassemblano mediante pinze, martelli, chiodi, saldature, pennelli. Cose recuperate dalla quotidianità della loro funzione abituale ne assumono altre» (John F. Reed).

TITOU VERGIER
Titou VergierVi sono dei volumi nel cuore di Titou, vi sono delle curve e delle rotondità, dei ripari uterini, dei ventri, delle mammelle, dei sederi impertinenti. Vi è qualcosa dell'infanzia, nei donnoni, nei nomi, qualcosa che ci parla, che ci rassicura come un bagno caldo, tutta una scia di generosità. Non cercate le sirene della moda, le sinuosità dell'ombra, la distanza della fierezza, l'arroganza di ciò che è sofisticato, le matrone di mostrano, trasparenti, grasse e libere, leggere con le braccia spalancate, emancipate. Come le sue creature, intuitivamente, con una solida tenacità e creatività, con temperamento, Titou ritaglia, strappa, incolla e modella il suo rapporto franco e diretto con la vita, mediante un appetito gioioso per le squinzie del quotidiano,  le saltimbanche del circo, le dive dell'arena, le osserva, inventa, navigando sull'equilibrio dei materiali e traccia il suo cammino traboccante di donnoni, tra carta, fil di ferro e cartone. Così, nel tessuto di questa abbondanza spensierata, Titou ci offre un universo senza peso, poiché ciò che ci da da vedere è lo spazio dell'interiorità. 
C.Dessis




Alcune immagini dell'inaugurazione:

Informazioni aggiuntive